Dolina Soče

chiuderePrenota ora

Sella del Mangart (2055 m)

Percorrendo la strada di montagna più alta della Slovenia si raggiunge questa zona ricca dal punto di vista botanico e incredibilmente panoramica sotto il monte Mangart, la terza cima del paese.

Gli escursionisti, i ciclisti, gli amanti della botanica e della natura e gli esploratori del mondo alpino troveranno nel Mangartsko sedlo (Sella del Mangart) un vero e proprio paradiso montano. Nei suoi pianori erbosi, che d'estate vengono colorati da distese di variopinti fiori alpini, vivono numerosi stambecchi, marmotte e cornacchie, che si alzano in volo verso le celestiali pareti dell’imponente Mangart. Vi interessa sapere com’è fatto un punto di osservazione perfetto, dove non mancano scenari spettacolari da fotografare e riprendere?

Guida panoramica verso il Mangartsko sedlo (Sella del Mangart)

La strada del Mangart è una strada asfaltata stretta lunga 12 chilometri che supera un dislivello di 980 metri e passa attraverso cinque tunnel scavati nella roccia viva. La strada panoramica, costruita dai soldati italiani nel 1938 e che in seguito è stata risistemata più volte, offre splendide viste sulle pittoresche Alpi Giulie. La ciliegina sulla torta è proprio il Mangartsko sedlo (Sella del Mangart), da cui si gode di un incredibile paesaggio sui laghi di Fuzine, immersi in verdi foreste di abeti nella vicina Italia.

Degustate il formaggio di Bovec presso la malga Mangartska planina (1.295 m)

Subito dopo le prime curve della strada del Mangart, sorge già da più di cinque secoli una malga dove vivono le pecore di Bovec, una razza slovena autoctona che eccelle per la sua adattabilità alle condizioni montane e l’ottima produzione di latte. Durante la stagione dei pascoli, nella malga si producono la ricotta e il saporito formaggio di Bovec, fatto secondo la vecchia ricetta locale.

Esperienze attive sul Mangartsko sedlo (Sella del Mangart)

Se amate le Alpi e vi interessano le esperienze attive, questo è il posto giusto per soddisfare i vostri desideri. Il Mangartsko sedlo (2055 m) è un ottimo punto di partenza per raggiungere la vetta del monte Mangart (2.679 m), nonché il traguardo per quei ciclisti che con le loro bici da corsa amano domare i ripidi tornanti della strada asfaltata che conduce alla sella.

Quando le condizioni meteorologiche lo consentono, potete decidere di scendere con un volo in tandem in parapendio, organizzato da alcune agenzie turistiche locali. Avrete l’occasione di ammirare il robusto monte Rombon, il leggiadro monte Jerebica e il famoso costone Loška stena da una prospettiva tutta nuova.

I colori autunnali del bosco di faggi e i larici solitari che vivono alle quote più alte sono un invito irrinunciabile a un’escursione con la macchina fotografica. I fotogenici scenari autunnali accompagnano l’ambiente montano verso un nuovo capitolo, l’idillio invernale, amato dai scialpinisti, dagli escursionisti e dagli appassionati della discesa organizzata in snowboard lungo la strada del Mangart.

Rifocillatevi al rifugio Koča na Mangartskem sedlu

Non sorprendetevi se durante l’ascesa alla sella sentirete un delizioso profumino di cibo casalingo. Dopo una giornata di intenso sforzo fisico, le vostre papille gustative non avranno niente in contrario a farsi viziare dai gustosi minestroni e dalle altre specialità preparate dai cuochi del rifugio.

Rifugio Koča na Mangartskem sedlu - informazioni

La strada che raggiunge il Mangartsko sedlo (Sella del Mangart) è aperta dalla tarda primavera fino all’autunno

La strada per il Mangartsko sedlo è aperta solo quando lo consentono le condizioni dettate della neve.  Prima di mettervi in viaggio, controllate le condizioni della strada.

Per percorrere la strada occorre pagare una tassa ecologica di  5 €. Il traffico è consentito a veicoli privati, motocicli e autobus  fino a 35 posti. La strada è stretta e costeggia in parte un precipizio, quindi guidate con prudenza e ricordatevi che la precedenza è di chi sale. D’inverno la strada che raggiunge il Mangartsko sedlo è chiusa.

Trattandosi di un’area naturale protetta del Parco naturale del Triglav, assicuratevi di raccogliere tutti i rifiuti e di riportarli a valle. Iniziate la vostra escursione vestiti in modo adatto e con la giusta attrezzatura,  visto che le condizioni del tempo in alta montagna possono cambiare molto velocemente.